dg uniti

Asl&Ruggi: i primi cento giorni dei Direttori generali

in News

Cento giorni. Più o meno. Poco più di tre mesi sono già passati dalla nomina dei due Direttori generali dell’Asl Salerno e dell’Azienda ospedaliero-universitaria ‘San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona’ – rispettivamente Antonio Giordano (medico) e Nicola Cantone (avvocato)- che consentono di fare il punto della situazione.
Raccogliere le impressioni dei diretti interessati servirebbe a poco. Con tutto il dovuto rispetto. Lasciamo parlare i fatti. Che viaggiano,ovviamente, su binari paralleli.
Le aziende sono realtà molto diverse che hanno, al momento, tre cose in comune: spiacevoli vicende di cronaca giudiziaria, l’adozione dell’Atto aziendale e la volontà dei rispettivi manager di farsi valere.
Ebbene sì. Seppur con stili diametralmente opposti, Giordano e Cantone stanno lavorando al compito chiamati a svolgere: valorizzare e migliorare il pianeta sanitario salernitano.
Cosa è accaduto nell’Asl Salerno?
Giordano, il medico dal sorriso beffardo e dall’intelligenza sopraffina, è reduce dalla lunga esperienza maturata a Napoli alla guida dell’ospedale ‘dei Colli': il super manager ha accorpato l’AO di rilievo Nazionale Monaldi e l’AO di rilievo regionale Cotugno (contestuale accorpamento del CTO). Arriva a Salerno, alla guida di un Azienda sanitaria locale. Forse avrebbe preferito il ‘Ruggi’. (intesa come Azienda universitaria). Non per altro – come lui stesso ripete anche pubblicamente – per seguire un solco lavorativo noto. “Ma sto bene dove sto“, precisa.
Comunque sia. Gira per gli ospedali, per la vasta Asl che è unica solo sulla carta. Ogni nosocomio sembra un mondo a parte. I problemi sono tanti, anche di più. Ma non sembra uno che si fa tirare per la giacchetta. Lui sorride, scruta, osserva, parla poco, e anche di meno, specie con la Stampa. Non si tira indietro, no. Non tratta mai male, anzi. Giordano è chiaro. Rilascia interviste, sì, ma non ci vuole una laurea conseguita a Yale per capire che risponde ma senza andare oltre. Dice poco, pesa le parole. Non gli piace apparire. Lavora, in silenzio. E firma delibere. L’albo pretorio dice molto del lavoro di un amministratore.
Si parte dall’adozione dell’Atto aziendale, uno dei pochi, se non l’unico, a mettere tutti i sindacati d’accordo! Nessun sindacalista (eccezion fatta per la Fisi) ha inviato un comunicato stampa per urlare questa o quella mancanza (a parte le osservazioni. A far sentire la propria voce, nel caso specifico, solo alcuni sindaci.). Però!! ..che bravo Dg…
Molti provvedimenti sul personale: mobilità, contratti di lavoro da cambiare, reclutamento medici, cambi di componenti in Commissioni&affini.Aggiudicazione gare per lavori e/o rifornimenti medicali.
Ha, in meno di un mese, rimosso il primario del pronto soccorso (autorizzava un volontario a sostituirlo nei turni) dell’ospedale nocerino, l’Umberto I, e cambiato i vertici. Sì, Giordano ha cambiato i direttori, sanitario e amministrativo.E va detto: erano in molti a sperarlo, da anni.
Ha poi istituito una commissione di vigilanza per monitorare le presenze dei dipendenti. Usando, però, un incipit di nota ‘non istituzionalmente corretta': “Alla luce di quanto è accaduto al Ruggi“. Vabbè, Giordano era a Napoli e nessuno gli avrà raccontato che quanto è accaduto all’Asl qualche tempo prima rende il ‘Ruggi’ un collegiale. Ma non deve essere certo una gara a chi fa peggio, eh. Anche negli ultimi mesi l’Asl si è difesa bene con medici e Dirigenti arrestati per presunta tentata corruzione e un primario che avrebbe intascato soldi da intramoenia farlocca.
E siamo all’agenzia interinale, ancora lavoro dunque.Opportunità di lavoro che passa per uno strumento che la Regione non condivide ma al tempo stesso autorizza. Misteri dell’Asl targata Giordano.

Cosa è accaduto al ‘Ruggi’?
L’azienda universitario-ospedaliera viene guidata dal commissario straordinario che il governatore campano ha premiato nominandolo Direttore generale. Nicola Cantone, avvocato, sta proseguendo nel solco tracciato da febbraio scorso pur perdendo un pezzo importante della squadra: Enzo Raiola, il sub commissario sanitario. Uno dei migliori.
E’ stato approvato l’Atto aziendale. Cantone però non  è stato bravo quanto Giordano (!!)…e i sindacati sono stati costretti a inviare comunicati stampa per esprimere  il loro disappunto. Riempiendo pagine e pagine….e ancora qualcuno butta calci (prima regola del blog: evitare le querele)…
Istituita commissione disciplinare interna per seguire le varie posizioni di quanti sono finiti nell’inchiesta della magistratura sui fannulloni.Partita la rilevazione biometrica, impronte digitali, dei dipendenti. Una delle prime aziende ospedalieri in Italia, la prima in Campania. Un segnale importante.Concorsi a tempo determinato per infermieri e Oss capaci di richiamare giovani provenienti anche dal Nord. Di concorsi, seppur a tempo determinato, se ne fanno pochi. Concorsi, ex articoli 18, per primari.
Manifestazioni in piazza per promozioni campagne a difesa della salute della donna. Molto apprezzata, va dato atto.

roco

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

TRAUMA

AOU ‘Ruggi’. Nasce il Trauma team

Come anticipato da Salernosanità, l’Azienda salernitana ha recepito le urgenti disposizioni regionali
Nasce il Trauma team. L’Azienda ospedaliero-universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi
Vai Sopra