AOU ‘Ruggi’.Umanizzazione cure pediatriche: al via il programma “Nati per leggere”

in UNISA

“Nati per leggere incontra reach out and read”, è il tema della due giorni in programma per il primo e due dicembre, presso il Grand Hotel Salerno, alla presenza degli attori protagonisti del Progetto regionale di umanizzazione delle cure pediatriche.

A tal proposito e per approfondire esiste anche il Sito web nato dalla volontà del Team Umanizzazione dell’U.O. di Pediatria dell’A.O.U. San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di divulgare ed informare l’utenza regionale, e non solo, sulle iniziative portate avanti dalle sette aziende ospedaliere, coinvolte nel progetto in esame, per sensibilizzare l’attenzione nei confronti dei nostri piccoli degenti pediatrici.
Il fulcro e centro del Progetto UCP è infatti rappresentato dal Bambino.

In cosa consiste il Progetto relativo alla lettura?

Da quindici anni l’Associazione Culturale Pediatri (ACP) si impegna accanto al Centro per la Salute del Bambino e all’Associazione Italiana Biblioteche (AIB) per la diffusione di Nati per Leggere (NPL) e la sensibilizzazione ai benefici di una pratica costante e precoce della lettura in famiglia.

Così come sottolineato dal Dottor Paolo Siani, presidente dell’ACP e direttore dell’UOC di Pediatria del Santobono di Napoli, l’ospedale pediatrico più grande del Sud Italia, è importante, soprattutto quando i nostri piccoli pazienti stanno male, far percepire e dimostrare ai bambini che vi è qualcuno che si dedica a loro prestandogli attenzione: un’attenzione incondizionata, totale, frutto di un gesto d’amore gratuito.

“È fondamentale incontrare i bambini alla nascita, sia quelli che hanno una partenza “felice” ma soprattutto quelli che partono più svantaggiati, come nel Sud Italia” ci spiega il Dottor Siani. “I dati scientifici ci confermano che investire precocemente, soprattutto nei primi tre anni, è cruciale per lo sviluppo cognitivo, relazionale, psicologico ed emotivo del bambino. Come sostiene Heckman, premio Nobel per l’economiaogni dollaro investito in servizi per l’infanzia di qualità comporta un risparmio nell’arco di trent’anni di 12 dollari per la collettività”.

Il ruolo del pediatra nel programma Nati per Leggere diventa così centrale in questo processo di sensibilizzazione perché è l’unica figura sanitaria che incontra tutti i bambini e tutte le bambine fin dalla loro nascita, per poi seguirli proprio durante i primi anni e oltre. Per questi motivi NPL è attivo anche negli ospedali, sia per informare i genitori alla nascita sui benefici derivanti dalla lettura in famiglia sia per dare un po’ di conforto ai bambini ricoverati e alle rispettive famiglie.

 

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da UNISA

Vai Sopra