Asl Salerno, ecco il nuovo Direttore generale

in News

E’ il 2010 quando l’allora presidente della Regione, Stefano Caldoro (centro destra), nomina Antonio Giordano super manager con l’obiettivo di accorpare l’Azienda Ospedaliera di rilievo Nazionale ‘Monaldi’ e l’Azienda Ospedaliera di rilievo regionale ‘Cotugno’. Creando, così,il primo nucleo di quella che sarà la Nuova Azienda Ospedaliera con contestuale accorpamento del CTO. L’ebolitano è oggi nominato dalla Giunta regionale targata Vincenzo De Luca (centro sinistra) Direttore generale dell’Asl Salerno.

La formazione di Giordano è iniziata nel Distretto Sanitario dell’ospedale di Eboli.Segue l’esperienza di Direttore Sanitario prima ad Oliveto Citra, poi dello stesso Monaldi di Napoli ed al Ruggi d’Aragona di Salerno. Il Ruggi. Eh sì, il supermanager doveva dirigere il Monaldi ancora un altro annetto. Però, la maledetta nostalgia per il suo territorio (dopo tanti anni direte??,ndr), lo spinge a lasciare con anticipo la direzione del Monaldi per mettere a disposizione del Salernitano, la sua terra (vedi nostalgia, ndr), l’esperienza maturata. Qualcuno dice che avrebbe puntato al Ruggi. Chissà, quanto c’è di vero. Fatto sta che la esperienza ora dovrà usarla tutta per l’Asl che è ai piedi di Pilato. E si sa, l’azienda sanitaria è un tantino diversa dall’azienda universitaria.

Giordano, oltre ai tanti incarichi&nomine, è assurto nel 2015 agli onori della cronaca per essere finito nell‘indagine della Procura napoletana relativa ad appalti truccati al Monaldi.

“L’indagine – spiegò all’epoca il procuratore della Repubblica, Giovanni Colangelo e il procuratore della Repubblica aggiunto, Fausto Zuccarelli – è un ulteriore sviluppo delle attività investigative che avevano portato alla scoperta di un’associazione per delinquere finalizzata all’emissione di fatture per operazioni inesistenti e all’occultamento e distruzione di documentazione contabile”.

Sulla vicenda arrivò una nota dell’avvocato penalista Raffaele Miele, difensore del dottor Giordano: “In relazione agli articoli apparsi su alcune, che fanno seguito ad un comunicato stampa diffuso dalla Procura della Repubblica di Napoli relativamente ad “appalti truccati” presso l’ex ospedale Monaldi (oggi Azienda dei Colli), si precisa che il dottor Antonio Giordano, attuale Direttore Generale dell’Azienda in questione, risulta del tutto estraneo alle accuse contestate ad altri imputati e relative a reati associativi finalizzati a truffe e ad altri reati in danno dell’Azienda sanitaria. Il dottor Giordano, infatti, risulta raggiunto da richiesta di rinvio a giudizio, nell’indicato procedimento, unicamente per una ipotesi di falso in relazione alla sottoscrizione di 3 contratti di appalto, fattispecie del tutto diversa da quella dei cd. appalti truccati. Il falso ipotizzato, infatti, sarebbe unicamente relativo alle sottoscrizioni, da parte dei legali legali rappresentanti delle aziende aggiudicatarie dei lavori, che, come appunto si ipotizza, non sarebbero state apposte alla presenza del Direttore Generale. Questa circostanza, com’è evidente, non attiene alla ipotizzata illiceità di tutto l’iter amministrativo e della esecuzione degli appalti stessi ed è contestata solo agli altri imputati”.

roco

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra