Asl Salerno. Influenza, al via la campagna vaccinale 2017/2018

in UNISA

Influenza: al via la campagna vaccinale 2017-2018 nell’Asl Salerno

 

Lunedì 30 Ottobre avrà inizio nell’Asl Salerno la campagna di vaccinazione antinfluenzale per la stagione 2017/2018, per la quale l’azienda ha già provveduto all’acquisto delle dosi di vaccino necessarie, pari a 210.000 dosi.

Anche quest’anno si perseguirà l’obiettivo di prevenire le forme gravi e complicate di influenza in gruppi ad aumentato rischio di malattia grave: anziani e persone di tutte le età affette da malattie croniche.

Il periodo migliore per vaccinarsi contro l’influenza va da fine ottobre a fine novembre.

A chi è raccomandato il vaccino: le categorie a rischio cui sarà offerta attivamente e gratuitamente la vaccinazione sono le seguenti:

  1. Soggetti di età pari o superiore a 65 anni (nati nell’anno 1952 e precedenti).
  2. Bambini di età superiore ai 6 mesi ed adulti fino a 65 anni di età affetti da patologie che aumentano il rischio di complicanze da influenza:
  • malattie croniche a carico dell’apparato respiratorio (inclusa l’asma grave, la displasia broncopolmonare, la fibrosi cistica e la broncopatia cronico ostruttiva-BPCO);
  • malattie dell’apparato cardio-circolatorio, comprese le cardiopatie congenite e acquisite;
  • diabete mellito e altre malattie metaboliche (inclusi gli obesi con BMI >30 e gravi patologie concomitanti);
  • insufficienza renale cronica;
  • malattie degli organi emopoietici ed emoglobinopatie;
  • tumori;
  • malattie congenite o acquisite che comportino carente produzione di anticorpi, immunosoppressione indotta da farmaci o da HIV;
  • malattie infiammatorie croniche e sindromi da malassorbimento intestinali;
  • patologie per le quali sono programmati importanti interventi chirurgici;
  • patologie associate ad un aumentato rischio di aspirazione delle secrezioni respiratorie (ad es. malattie neuromuscolari);
  • epatopatie croniche.
  1. Bambini e adolescenti in trattamento a lungo termine con acido acetilsalicilico, a rischio di Sindrome di Reye in caso di infezione influenzale.
  2. Donne che all’inizio della stagione epidemica si trovino nel secondo e terzo trimestre di gravidanza.
  3. Individui di qualunque età ricoverati presso strutture per lungodegenti.
  4. Medici e personale sanitario di assistenza, compreso personale di assistenza case di riposo ed anziani a domicilio, volontari dei servizi sanitari di emergenza.
  5. Persone conviventi con soggetti ad alto rischio portatori di patologie di cui al punto 2).
  6. Soggetti addetti a servizi pubblici di primario interesse collettivo e categorie di lavoratori:
  • Forze di polizia, Vigili del fuoco, Personale asili nido e scuole dell’infanzia.
  1. Personale che, per motivi di lavoro, è a contatto con animali (suini e volatili) che potrebbero costituire fonte di infezione da virus influenzali non umani:
  • allevatori, addetti alle attività di allevamento, addetti al trasporto di animali vivi, macellatori e vaccinatori, veterinari pubblici e libero-professionisti.

Dove vaccinarsi: la vaccinazione per i soggetti adulti a rischio di complicanze è gratuita e viene effettuata dai medici di famiglia che hanno aderito alla campagna o con accesso diretto presso gli ambulatori vaccinali dei distretti sanitari dell’ASL.

La composizione del vaccino per la prossima stagione 2017-2018 è:

– antigene analogo al ceppo A/Michigan/45/2015 (H1N1)pdm09;

– antigene analogo al ceppo A/Hong Kong/4801/2014 (H3N2);

– antigene analogo al ceppo B/Brisbane/60/2008 (lineaggio B/Victoria).

Alcune misure di protezione personale utili: il vaccino è il sistema migliore per difendersi dalla malattia. Tuttavia per la prevenzione dell’influenza alla vaccinazione vanno aggiunte alcune misure di protezione personale utili per ridurre la trasmissione del virus dell’influenza:

  • lavaggio delle mani (in assenza di acqua, uso di gel alcolici);
  • buona igiene respiratoria (coprire bocca e naso quando si starnutisce o tossisce;
  • isolamento volontario a casa di delle persone con malattie respiratorie febbrili specie in fase iniziale;
  • uso di mascherine da parte delle persone con sintomatologie influenzali, quando si trovano in ambienti sanitari (ospedali).

fonte

Cs Asl Salerno

 

 

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*