Campania.Piano regionale ospedaliero, ecco la programmazione per il Salernitano

in UNISA

Piano regionale della programmazione ospedaliera.  Ecco le novità per la Macro-Area della provincia di Salerno

L’area della provincia di Salerno conta 1.105.485 abitanti, a cui corrisponde secondo standard una dotazione di 3.877 posti letto. Nella provincia sono  previsti 3.722posti letto pari 3,37 posti letto per mille abitanti, in leggero incremento rispetto a quelli esistenti che sono, come da flussi informativi, pari a 3.665.

Nella città di Salerno, insiste l’ospedale di riferimento dell’Azienda Ospedaliero-Universitaria ‘Ruggi’,costituita dai presidi ospedalieri funzionalmente accorpati di:

  • “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” stabilimento di via San Leonardo di Salerno
  • “G. Fucito” di MercatoS. Severino
  • “Da Procida” di Salerno
  • “Santa Maria Incoronata dell’Olmo” di Cava de’ Tirreni
  • “Italia Giordano-Costa d’Amalfi” di Castiglione di Ravello.

Il bacino di utenza giustifica la presenza da un minimo di 8 a un massimo 13 punti di accesso al sistema emergenza-urgenza. L’estensione del territorio, la difficile viabilità in alcune zone, la necessità di integrare la risposta alla domanda proveniente dalla zona sud-ovest della provincia di Avellino e dall’ASL NA3, sono elementi che inducono a prevedere il maggior numero di accessi alla rete dell’emergenza-urgenza.

Anche in questa Macroarea le strutture ospedaliere necessitano di interventi di edilizia sanitaria.

In particolare sono già programmati:

  • la ristrutturazione e messa a norma del Blocco Operatorio, dell’AOU Ruggi diSalerno e il miglioramento dei flussi di accesso ospedalieri;-
  • interventi per la messa a norma dei PP.OO. di Oliveto Citra, Vallo della Lucania,Nocera Inferiore, Battipaglia e Eboli;il potenziamento dell’offerta territoriale, con la realizzazione di un Ospedale di Comunità nel presidio di Roccadaspide.

Tanto premesso, si elencano i seguenti punti di accesso programmati nella rete di emergenza urgenza:

l’A.O.U. Ruggi d’Aragona è DEA di II° livello (con annessi stabilimenti di Ravello, Da Procida, Mercato S. Severino e Cava dei Tirreni) al servizio dell’intera provincia. Funge da hub nella rete Ictus, hub di II° livello nella rete cardiologica, nonché centrale operativa CTS in quella traumatologica, spoke II nella rete emergenze pediatriche, spoke II livello per la terapia del dolore, hub rete per le emergenze digestive. Viene programmata una dotazione di nuove discipline a corredo del DEA II livello: Chirurgia Plastica, Reumatologia, nonché Unità spinale (cod. 28) e Neuro-116riabilitazione (cod. 75).

Data la vastità e variabilità del territorio s’individuano 2 DEA di I° livello geograficamente presso:

-il Presidio Ospedaliero di Vallo della Lucania al servizio della vasta area sud della provincia, punto spoke nella rete dell’Ictus, hub di I° livello nella rete cardiologica, spoke II rete emergenze pediatriche, oltre che CTZ nella retetraumatologica, spoke emergenze gastroenteriche, spoke nella rete del dolore.

Vengono attribuite le discipline di Neurologia e Gastroenterologia,Neonatologia,Psichiatria, Riabilitazione (cod. 56), con annesso presidio di Agropoli.

Il P.O. di Agropoli già Centro ambulatoriale ad indirizzo Oncologico e struttura residenziale per cure palliative (hospice) e attività territoriali, attesa la collocazione in zona turistica e difficilmente raggiungibile necessita di un potenziamento quale struttura in deroga con 20 posti letto di Medicina ; ospiterà un centro sovra-aziendale territoriale per i disturbi del comportamento alimentare.-

Il Presidio Ospedaliero di Nocera Inferiore all’area nord: spoke nella rete dell’ictus, hub di I° livello nella rete cardiologica, oltre che CTZ nella rete traumatologica, spoke II rete emergenze pediatriche, spoke nella rete delle emergenze digestive; riceve un potenziamento globale delle discipline esistenti. I posti letto di Terapia Intensiva ricomprendono anche quelli di terapia Intensiva post – operatoria.

Al DEA di I livello di Nocera Inferiore vengono annessi gli stabilimenti di: -P.O. Pagani : configurato quale presidio ospedaliero senza pronto soccorso,rappresenta il polo oncologico dell’ASL di Salerno, si caratterizza per la presenza di posti letto di ematologia, oncologia, chirurgia generale ad indirizzo oncologico, dermatologia ad indirizzo oncologico e connessa attività di foto- dermatologia e rianimazione. L’attività di onco-ematologia pediatrica continuerà ad essere erogata dalla U.O. di pediatria del P.O. Umberto I di Nocera sino all’attivazione di tale attività nello stabilimento di Pagani. E’ previsto, nel P.O. di Pagani, un servizio di cardiologia. E’ infine, programmata l’attività di radioterapia. Spoke I livello nella rete terapia del dolore-P.O. Scafati è configurato quale presidio ospedaliero con Pronto Soccorso ad indirizzo pneumologico corredato dei servizi diagnostici finalizzati alla attività di bronco -pneumologia. È previsto nel P.O. un Servizio di Cardiologia.Presidi di Pronto Soccorso

I Presidi Ospedalieri di Eboli e Battipaglia restano due presidi sede di pronto soccorso al servizio di un’ampia popolazione, orientati il primo prevalentemente all’area cardiologica ed il secondo all’area chirurgica materno-infantile. Il presidio di Eboli, dotato di emodinamica, è hub di I° livello nella rete cardiologica, mentre quello di Battipaglia è sede di pronto soccorso. Detti P.O. hanno fatto fronte nel 2015 ad oltre 40.000 accessi al pronto soccorso ciascuno. Viene annesso alla struttura Eboli/Battipaglia, che condividono i Servizi di supporto, anche il presidio di Roccadaspide : esso per la posizione logistica è configurato come punto di accesso in deroga in zona particolarmente disagiata, dotato di 20 posti letto.

Il P.O. di Battipaglia : riveste il ruolo di PST nella rete Trauma; viene potenziato il punto nascita; è spoke I nella rete pediatrica. E’ programmato un servizio di cardiologia senza posti letto. 117

Il P.O. Eboli: è hub di I° livello nella rete cardiologica, PST nella rete Trauma. E’ programmato un Servizio di Pneumologia diagnostica ed interventistica senza posti letto.-Il P.O. di Oliveto Citraè confermato quale ospedale con pronto soccorso tenuto conto del numero di circa 15.000 accessi nel 2015. Riceve la disciplina di Riabilitazione (cod. 56). E’ PST rete traumatologica. E’ spoke II livello per terapia del dolore rispetto all’Hub Azienda Dei Colli. Ospita la psichiatria in DH gestito dal dipartimento di Salute Mentale. La rete dei Pronto Soccorso deve poter coprire il territorio garantendo l’accesso nei tempi previsti. Sono, inoltre, configurati come pronto soccorso e spoke nelle reti i seguenti presidi ospedalieri, con posti letto in potenziamento rispetto alle discipline minime:

Il P.O. di Sarno : spoke nella rete cardiologica, PST rete Trauma, avendone già la configurazione, spoke I rete emergenze pediatriche-il P.O. di Polla: conferma il suo ruolo di presidio di pronto soccorso della rete dell’emergenza ed è identificato quale spoke nella rete per l’Ictus cerebrale e spoke per l’emergenza cardiologica, nonché PST nella rete Trauma e spoke I’emergenze pediatriche . È programmato un Servizio di Oncologia in regime ambulatoriale.

Il plesso di S. Arsenio diventa struttura territoriale ed ospita un Ospedale di Comunità e l’UCCP.

il P.O. di Sapri : sede di pronto soccorso, costituisce spoke nella rete cardiologica, PST rete Trauma, spoke I emergenze pediatriche.

-il P.O. di Mercato S. Severino e il P.O. di Cava dei Tirreni(facenti parte della AOU Ruggi) permangono come sede di pronto soccorso collegati al DEA del Ruggi, facendo fronte a ca. 155.000 accessi annui complessivamente.Si individuano inoltre le seguenti Strutture di accesso in derogaper le quali dovranno, comunque, essere previste specifiche modalità e percorsi atti a garantire i trasferimenti in emergenza -urgenza, non gestibili in loco

Il P.O. di Castiglione di Ravello , annesso all’AOU Ruggi di Salerno con 20 posti letto;

Il già citato presidio di Roccadaspide – il già citato presidio di Agropoli

Il P.O. “Da Procida” di Salerno riveste un ruolo rilevante in area riabilitazione (cod. 56), anche con l’assegnazione di nuovi posti letto di lungodegenza cod. 60. Il piano prevede la rimodulazione complessiva dei posti letto con una AFO Medica (Medicina, Cardiologia, Pneumologia) per 22 p.l., n. 56 posti letto codice 56 di riabilitazione intensiva in costanza di ricovero (sia per la MDC 8 che MDC1 che MDC5), e n. 32 posti di lungodegenza codice 60. Complessivamente, quindi, il sistema ospedaliero nella provincia di Salerno offre 12 punti di accesso alla rete emergenza urgenza così articolati:- 1 DEA di II° livello;-2 DEA di I° livello.

 

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*