“Family LAB”, il welfare di prossimità targato Asl Salerno

in News

“Family LAB- Famiglie, Terzo settore, servizi sociosanitari e territorio in salute. Per un welfare di prossimità: equo, solidale e sostenibile”.
L’Asl Salerno ha approvato l’importante progetto (finanziato con fondi regionali destinati al Piano Prevenzione 2014-2018) teso a potenziare l’assistenza sanitaria e socio-assistenziale.

Il Progetto è stato elaborato dal dottor Francesco Panza (nella foto)Dirigente Sociologo Area Dipendenze e Dirigente Responsabile U.O Integrazione Sociosanitaria del DSB 60 di Nocera Inferiore.

.panza
Di cosa si tratta.
Family Lab è un progetto volto ad accompagnare e sostenere la famiglia, in un sistema integrato di rete territoriale, al fine di potenziarne e valorizzarne il suo fondamentale ruolo educativo, sociale e sociosanitario. Il Progetto mira a creare un modello di intervento che tenga conto soprattutto del cambiamento dello stile di vita di una famiglia e di una comunità, aumentando così, per tutti, le possibilità di esercitare maggiore controllo e di operare scelte precise, riguardo alla propria salute intesa come benessere psico-fisico e sociale (WHO). Si punta a sviluppare l’empowerment della famiglia e dei suoi componenti in chiave di prevenzione primaria e secondaria attraverso una mirata ed efficace attività di engagement, di sostegno e di affiancamento alle sue principali funzioni: genitoriali, educative e di protezione sociale
Tutte le azioni proposte dal progetto sono in linea con gli obiettivi specifici di intervento declinati dal Piano Regionale di Prevenzione 2014-2018 in materia di riduzione e di contrasto dei comportamenti e degli stili di vita a rischio o dannosi correlati a:
– uso/abuso di tabacco, alcol e altre sostanze psicoattive;
– dipendenze comportamentali correlate a gambling, gaming, shopping compulsivo etc.;
– bullismo, cyber-bullismo, etc.;

  1. Finalità:
    Il Progetto si propone come un incubatore sociosanitario grazie alla costruzione di spazi concreti in cui genitori, insegnanti, operatori sociali, sociosanitari e sanitari, minori, giovani ed altri attori sociali significativi, stimolati da facilitatori esperti, potranno, in maniera partecipata, acquisire e sviluppare conoscenze e competenze per ideare e realizzare innovative strategie di prevenzione primaria volte a contrastare le vecchie e nuove tipologie di dipendenza, situazioni di disagio comportamentale e di devianza sociale che oggi investono i minori, i giovani e gli adulti sia in ambito scolastico che in altri contesti di vita.
    Obiettivi strategici:
    1. Costruire una RETE intesa come coordinamento costituito da rappresentanti di: Asl, Prefettura, Questura, Comuni, Terzo settore, Piani di Zona e/o nuovi soggetti giuridici sociali, MMG, PLS, Corte d’Appello, Scuola, altri stakeholder istituzionali. Detta Rete formale di Sicurezza Sociale (Rete Territoriale Sicurezza Sociosanitaria Integrata: R.T.S.S.I.) costituirà una vera e propria task- force dove potranno essere affrontati i bisogni più rilevanti correlati alla famiglia che emergeranno in maniera manifesta e/o latente dall’intero territorio provinciale.
    2. Permettere l’acquisizione, da parte dei genitori, di capacità ed atteggiamenti adeguati ai nuovi problemi e ai nuovi stili di vita familiari rafforzando la consapevolezza che ognuno ha il potere di operare su se stesso un cambiamento costruttivo.
    3. Favorire il confronto e la condivisione di esperienze per affrontare in gruppo le difficoltà insite nel ruolo genitoriale.
    4. Fornire informazioni e supporto sulle questioni educative, sociali, socio-sanitarie e sanitarie.
    5. Eliminare/ridurre le difficoltà, intervenendo sulle dinamiche interattive disfunzionali in atto e facendo leva sulle risorse e potenzialità latenti della famiglia per condurla alla soluzione delle problematiche e ad un nuovo equilibrio che possa consentire il benessere personale dei suoi membri e quello dell’intera famiglia.
    6. Promuovere una linea educativa positiva nel territorio e favorire l’accesso ai Family Lab.
    7. Promuovere nel Territorio un’Attività di Sostegno Familiare volta a realizzare un più diffuso benessere individuale e collettivo.
    Destinatari:
    Genitori, insegnanti, operatori (sociali, sociosanitari e sanitari), minori, giovani ed altri attori sociali significativi.
    Durata e Costi:
    Il Progetto Family Lab, si legge nella delibera aziendale, in considerazione della complessità della tematica affrontata e del territorio sul quale interviene, prevede una durata di tre anni. Ciascuna annualità, si integra con le altre due, pur tuttavia mantiene una sua autonomia sul piano organizzativo, operativo e finanziario. Va precisato che la realizzazione delle attività, per le annualità successive alla prima, il cui costo è stimato in € 150.000,00, (per ciascuna annualità)sono vincolate alla copertura dei costi mediante i finanziamenti regionali che si renderanno disponibili dal Piano Regionale della Prevenzione 2014-2018.ll Progetto è interamente finanziato con fondi regionali già disponibili e immediatamente spendibili“.

rc

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra