attilio-maurano-cisl-medici-1024x682

Il primario Maurano: ” I provvedimenti di sospensione per i medici di Nola hanno il sapore della sommarietà e sono inaccettabili”

in News

Gentile direttore,
la vicenda accaduta all’ospedale di Nola merita di essere letta e riletta senza infingimenti e con molta chiarezza e onestà intellettuale. Occorre evitare che il rumore di fondo mediatico e il clamore scatenato dalla visione sui social di foto in cui alcuni colleghi erano piegati in due per dare assistenza ai malati finisca per travolgere quell’ospedale e i primari di quel servizio come se fossero responsabili di una situazione di crisi che magari non in quelle proporzioni ma si verifica spesso e volentieri a Napoli come in altre città soprattutto a cavallo delle feste natalizia.

Il combinato disposto delle epidemie stagionali influenzali, di una paura generalizzata e ingiustificata delle meningiti che nella nostra regione non desta alcun allarme epidemiologico e la presenze di ponti e festivi che hanno indebolito o annullato il filtro territoriale hanno determinato l’iper-afflusso di 285 pazienti in una sola giornata in un piccolo ospedale di soli 105 posti letto dove erano in servizio 5 medici e 3 infermieri per turno che hanno assistito tutti senza alcuna denuncia o lamentela da parte dei pazienti.

In una Regione come la Campania, che sconta ritardi e difficoltà organizzative atavici, aggravate dal piano di rientro e dopo dieci anni di tagli ragionieristici, il riordino del settore sanitario richiede polso fermo e anche decisioni drastiche, ma occorre mettere nel mirino il giusto bersaglio e non sparare sul mucchio o su chi è più esposto e soprattutto lavora in trincea tra mille difficoltà. La colpa non è dei medici e siamo indignati e schierati dalla parte dei medici e dei lavoratori.

Non è possibile dare sempre la colpa ai medici. Cosa dovrebbe fare il primario del pronto soccorso in quella situazione, andare a comprare i letti e le barelle? Le debite segnalazioni di difficoltà erano state fatte ma addebitare una mancata comunicazione per avviare una procedura di licenziamento sembra la classica foglia di fico con cui coprire ben altre responsabilità che ricadono su chi ha la responsabilità della pianificazione e dell’organizzazione delle rete delle cure sul territorio. Non sono certo i responsabili i medici dell’ospedale di Nola anch’essi vittime di tali difficoltà organizzative. Non si può far pagare l’anello debole della catena.Il lavoro che il presidente De Luca sta facendo su molti fronti è apprezzabile per il riordino della sanità campana ma i provvedimenti di sospensione disposti dalla Asl Napoli 3 sud hanno il sapore della sommarietà e sono inaccettabili sul piano umano e professionale”.

Attilio Maurano
Cisl medici Campania

*Lettera pubblicata sul sito www.quotidianosanita.it/Campania

*Specialista in Chirurgia Generale ed esperto in Gastroenterologia ed Endoscopia Digestiva, è attualmente Direttore dell’unità operativa complessa di Endoscopia Digestiva Chirurgica presso l’azienda ospedaliera Integrata dell’università di Salerno.Esercita la propria professione presso “L’Unità Operativa Complessa di Endoscopia Digestiva e Gastroenterologia” – Mercato San Severino(Salerno).

 

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

1 Comment

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*