Nocera. Il sindaco porta la nipotina in Ospedale e attende oltre tre ore. Non ci sta e denuncia su facebook

in UNISA

 

 

Il sindaco di Nocera Inferiore, Manlio Torquato, accompagna una nipotina in ospedale, a Nocera, e attende tre ore in pronto soccorso. E lo denuncia su facebook. Sì, il primo cittadino, la massima autorita’ in materia sanitaria, ha scritto un lungo e dettagliato post sul noto social network sottolineando che l’attesa è lunga e vi è poco personale. Di seguito, il post dell’avvocato.

STORIE DI ORDINARIA ATTESA ALL’OSPEDALE UMBERTO I DI NOCERA.
Sono in pediatria con mia nipote. Passati come tutti dal pronto soccorso, aspettiamo in fiduciosa attesa di una visita per la bambina da circa 3 ore. Prima di noi altri 4 piccoli e le loro famiglie. Sono di Angri, Cava, Poggiomarino e ancora Nocera. Ma c’è solo un’ unica pediatra (brava e attenta) per le visite che vengono dal pronto soccorso ed il reparto . Aspettano, soffrono, sperano. Una di loro andrà fuori perché qui manco c’è posto. Quando avremo finito forse aspetteremo altre ore per una radiografia ed un prelievo. In questi giorni di festa per i piccoli ammalati (per tutti gli ammalati) il servizio dovrebbe essere più veloce con più personale, perché è ancora di più in questi giorni che la preoccupazione aumenta, amplificata dall’atmosfera di festa. Ma non è così. E non lo è manco in un giorno normale.
Intanto aspettiamo medici, infermieri personale.
Non solo ora, non da oggi.

Premettendo subito che dispiace per la piccolina e tutti i bambini che purtroppo devono far ricorso alle cure degli ospedali, non sfuggira’ la reazione che ha scatenato. Il post non è di un semplice cittadino ma della massima autorita’ in tema sanitario in citta’ che si è imbattuto, in prima persona, nella “vita reale” che milioni di cittadini conoscono. Viene da chiederci: se non avesse avuto la necessita’ (dispiace, ovviamente) di mettere piede nel Ps non avrebbe mai parlato di lunghe attese? E, ancora: ma lui, che è il sindaco, cosa fa per evitare tutto cio?

I commenti, le reazioni. C’è chi incalza, raccontando episodi analoghi e chi, ironizza. “Veramente scoperte incredibili. Grazie ancora, trascorrero’ il capodanno in ospedale per merito di una amministrazione che bada alla forma e poco alla sostanza”. O, ancora: “Come è giusto che si aspetti il proprio turno”. “Uno stato di cose che dura da anni, come mai se ne accorge solo ora?”.

Gia’, i disagi. E lo dovrebbe sapere l’avvocato che chiosa” ..aspettiamo medici, infermieri… non solo ora, non da oggi”. Ma non era lui il firmatario del comunicato – con annessi rullo di tamburi e squillo di tromba – che annunciava entusiasta la stretta di mano (luglio 2018) con il Commissario straordinario, tessendone le lodi, e un imminente arrivo di infermieri. Se non metteva piede in ospedale non si accorgeva che il personale non è arrivato ? Bene, a questo punto ci attendiamo una reazione, una diretta conseguenza alla denuncia social. Incontrera’ il commissario Iervolino, ci auguriamo, e ridiscutera’ delle criticita’. Nel frattempo, potrebbe inviargli uno screen shot.

Attendiamo una nota, o un post.Fateci sape’…

 

 

Ps foto tratta dal profilo pubblico del sindaco a corredo del post denuncia

 

 

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da UNISA

Vai Sopra