reparto-638x330

Ruggi, Ginecologia. E nell’inchiesta sulle liste d’attesa ‘dribblate’ spunta anche un onorevole

in News

SALERNO

Spunta un politico, un onorevole salernitano, nella inchiesta della magistratura che sta indagando nella cosiddetta ‘vendita di posti letto’ nel reparto di Ginecologia dell’Azienda ospedaliero-universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno.

Il politico avrebbe dribblato le liste d’attesa seguendo un copione rodato: passare per  lo studio privato del professionista-furbacchione, pagare fino a trecento euro, e ottenere “d’ufficio” il posto letto. E, di conseguenza, l’esame o l’intervento prima degli altri.
Cominciano ad emergere le prime indiscrezioni sulla delicata indagine della Procura della Repubblica di Salerno che da qualche mese ha acceso i riflettori sulla cosiddetta ‘vendita di posti letto'( come rivelò il Corriere del Mezzogiorno), in Ginecologia ma non solo,  e che oggi Salerno Sanità è in grado di raccontare in anteprima.

Il pm Elena Guarinoguarino

tiene la bocca cucita e non fa trapelare nulla di una vicenda che al momento vedrebbe quattro medici indagati. Sì, quattro professionisti che secondo la tesi della magistratura ( ipotesi avvalorate da molti testimoni già ascoltati negli uffici giudiziari di via Rafastia, sia pazienti che medici)avrebbero facilitato il ricovero previo pagamento. Che, appunto, andava dai 200 ai 300 euro: costo della visita privata. Tappa obbligatoria. Ovviamente, si cerca di capire se l’acquisizione “d’ufficio del posto letto” era limitata a quei soldi o vi era la necessità di darne altri. Ma, come dicevamo, ipotesti, un ventaglio di accuse e sospetti che la dottoressa Guarino sta valutando. E non solo per il reparto d Ginecologia.
Come nasce l’indagine. E’ il 19 aprile quando la commerciante di Atrani, Palmina Casanova, viene ricoverata (per morire poco dopo) a seguito di un intervento per l’asportazione di cisti ovariche e a cui si sospetta sia stato bucato l’intestino. Quel tratto di intestino, rimosso in un secondo intervento con cui si è provato a salvare la vita la donna, è un importante reperto giudiziario che sparisce incredibilmente dopo il decesso.
Il blitz. Il 20 giugno dello scorso anno i carabinieri del Nas, coordindati dall’allora capitano Gianfranco Di Sario, acquisiscono registri, cartelle cliniche e altri documenti del reparto di Ostetricia e Ginecologia. Carteggi su consulenze e prestazioni lavorative fornite da personale medico che non risulta assunto dall’azienda ospedaliera.

L’Informativa. I militari, oggi guidati dal maggiore Vincenzo Ferrara, hanno terminato lo studio delle carte. Pronta l’nformativa per la dottoressa Guarino.

Rosa Coppola

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra