‘Ruggi’. Sì al riutilizzo dei locali che furono delle suore: al via i lavori di ristrutturazione

in News

La delibera c’è, ora al “Ruggi” devono solo iniziare i lavori di riqualificazione di un piano dell’ospedale un tempo abitato dalle suore. Per l’esattezza si tratta di locali ubicati al terzo piano “Corpo Pq” del presidio ospedaliero di via San Leonardo. 400 mq rimasti inutilizzati da molti anni e che possono essere riattati per un nuovo utilizzo. La prima delibera di affidamento dei lavori porta la data del 18 dicembre 2015, per una spesa di 226mila euro, ma da allora di tempo n’è passato. Ora, però, che l’atto aziendale è stato approvato e che sono stati affidati i nuovi incarichi ai direttori dei reparti sia del comparto medico sia di quello universitario, i tempi sono maturi per iniziare a progettare il futuro di quella parte di ospedale inutilizzata. Attualmente è la dimora di un religioso che da decenni svolge la sua attività tra le mura dell’ospedale, ma l’estensione dell’ala è notevole e può trovare un’utile collocazione per gli ammalati o per la ricerca. A chi l’area sarà destinata non è stato confermato in via ufficiale. Ora che nella delibera pubblicata sul sito del “Ruggi”, è stato individuato il responsabile del procedimento e il professionista che seguirà i lavori, torna di nuovo di attualità. L’ultima indiscrezione più accreditata è quella che vorrebbe i locali destinati alla Neuropsichiatria infantile e ad ambulatori per professori. Un’idea che risale ai tempi dell’ex direttore Vincenzo Viggiani. Nell’ambito della neuropsichiatria infantile i professori a cui sono stati affidati gi incarichi sono Giangennaro Coppola specialista in Neuropsichiatria infantile e titolare di cattedra, e Palmiero Monteleone professore ordinario di Psichiatria presso il Dipartimento di Medicina e direttore dell’Unità operativa di psichiatria presso l’Azienda ospedaliera universitaria e coordinatore dell’attività del Centro pilota della Regione per i disturbi del comportamento alimentare. In passato si è anche parlato di un eventuale utilizzo per day hospital oncologico. Sono state inoltre ipotizzate altre destinazioni dello spazio. per ospitare eventuali degenze per progetti di ricerca dei docenti universitari. In ogni caso fino a tre anni fa quei locali al terzo piano del “Ruggi” erano occupati dalle suore che, in base ad una vecchia convenzione, svolgevano il ruolo di caposala e avevano vitto e alloggio. Ma da quando sono andate via, i locali sono liberi. Il futuro del piano inutilizzato da troppo tempo in un presidio dove c’è perenne mancanza di spazio e di posti letto, ora lo dovrà decidere il direttore generale Nicola Cantone.

Fonte
Quotidiano La Città
articolo a firma di Marcella Cavaliere

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra