image

Agropoli.L’ospedale e il gioco delle tre carte

in News

L’onorevole Edmondo Cirielli  Fdi scrive sul suo profilo social

“Ricordate la vicenda dell’ospedale di Agropoli? Due anni fa il forzista presidente della Regione, Stefano Caldoro, avallò la scelta di chiudere il pronto soccorso dell’ospedale di Agropoli per effetto di un taglio del governo Renzi di centinaia di milioni alla sanità campana che si ripercosse sull’Asl di Salerno per 28 milioni di euro”, scrive l’onorevole Edmondo Cirielli in una nota sul social facebook raggiunge :”Non ho mai condiviso quella scelta, ma conoscendo la serietà di Caldoro e il suo impegno che, non appena la situazione finanziaria si fosse ristabilita avrebbe riaperto il pronto soccorso, potenziando gli altri servizi sanitari della zona, ho sospeso ogni polemica pur chiedendo con chiarezza di pubblicizzare l’impegno per la riapertura. Cosa che il governatore fece.

L’allora sindaco del Pd Alfieri, alla guida di tanti sindaci della zona, e i comitati costituiti insorsero pronti ad accusare Caldoro e il sottoscritto di ogni morte e malore del posto. Persino, qualche imbecille politico di Forza Italia, pensando di scaricare su Fratelli d’Italia la vicenda, approfittando di un’antica militanza in Alleanza Nazionale del manager pro tempore dell’epoca, si mise sulla stessa onda.Questo atteggiamento masochista è stato, poi, una delle principali ragioni della débâcle di Caldoro nella nostra provincia.

E oggi? Dov’è finito Alfieri? Ah sì, si occupa di agricoltura…e i comitati dei cittadini? Forse erano finti ed erano comitati del Pd? E i sindaci della zona? Bah…E il Pd? Tace per ovvi motivi. Vorrei tanto sapere, però, che fine ha fatto il partito di Caldoro e Carfagna”.

La Replica di Stefano Caldoro sul social 

“Nel salernitano abbiamo salvato gli ospedali Caro Edmondo Cirielli, con il mio piano ospedaliero scongiurate le chiusure decise dalla sinistra di De Luca.
Oggi, con lo sblocco parziale del turn over e con l’avanzo di cassa, si può immaginare anche di rafforzare Agropoli. Grazie a noi si può ma siamo ancora alle chiacchiere della sinistra.
Abbiamo, di fatto, salvato Cava, Scafati, Roccadaspide, Polla, Mercato San Severino, Oliveto Citra, Eboli.
Il masochismo è di chi non difende i nostri miracoli.Abbiamo riaperto le strutture chiuse dalla sinistra. Messo i conti in ordine, adesso bisogna assumere giovani medici ed infermieri. E dobbiamo chiedere che nella busta paga sia scritto ‘Neo assunti grazie a interventi Caldoro e della sua maggioranza’.

E’ il 14 luglio del 2015 quando il governatore de Pd De Luca: “Riapro l’ospedale di AgropoliVincenzo De Luca torna a dare una speranza agli agropolesi.

Le cronache giornalistiche locali riportano:”

Nella giornata di ieri (13luglio 2015,ndr) il nuovo presidente della Regione Campania ha dato mandato ai competenti uffici dell’assessorato alla Sanità di verificare la possibilità che in un prossimo futuro l’ospedale di Agropoli sia reinserito nella rete di emergenza/urgenza. Nel contempo, in tempi brevissimi, l’amministrazione campana provvederà a potenziare per i mesi estivi la dotazione di mezzi e personale di soccorso della struttura. Intanto, sempre ieri mattina, si sarebbero svolto un incontro ufficiale proprio tra il governatore e il sindaco di Agropoli Franco Alfieri”.

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra