Cozzolino (SIGM): “Alle nuove leve auguro di svolgere una professione più etica”

in News/UNISA

Armando Cozzolino, neo Coordinatore del Dipartimento Nazionale Specialisti e Liberi Professionisti, parla a 360 gradi della professione medica. Tra critiche costruttive, sogni, e sacro fuoco, non le manda a dire.

Al via in questi giorni il test d’ingresso per l’accesso alla facolta’ di Medicina. A livello nazionale, come del resto al campus d Fisciano, abbiamo registrato un aumento di iscritti. Nonostante tutto, questa professione ha ancora il suo appeal?

In qualche modo sì,  forse anche perché in alcuni casi c’è mancanza di consapevolezza  nei giovani su quello che si andra’ a fare: sono attratti da una professione che si definisce ancora nobile, o che pare possa dare un futuro sicuro anche sotto l’aspetto economico. Non è più così da tanti anni; il sistema a livello nazionale è ingolfato e in questo momento è una macchina che non funziona. Mancano gli aggiornamenti, mancano i piani di pianificazione, quanti medici sono in organico, realmente. Fino a trenta anni fa necessitavano pediatri, oggi geriatri.

Lei è giovane e molto critico. Cosa è accaduto,  forse è della generazione 40 che vive nel limbo?

Il problema sono le aspettative:  ci si aspetta che noi possiamo risolvere tutto. C’è stata per anni una sorta di paternalismo della classe medica. Una gestione clientelare. I pazienti sono stati per lungo tempo definiti, in modo agghiacciante, clienti. I medici sono aumentati oltre la reale necessita dando vita ad una guerra interna per accaparrarsi il paziente, in modo indegno.

 Cosa si sente di dire alle nuove leve.

Mi sento di dire poco: avete fatto questa scelta e ora cercate di dare la svolta, seria. Evitando gli errori del passato. Dovremmo aiutarli, guidarli verso una professione più etica e  che pensi meno a fine mese.

Se tornasse indietro,rifarebbe la stessa scelta?

La rifarei sempre, questa scelta. Anche se hanno provato a tenermi lontano da questa strada, che  maledico e benedico ogni giorno. Una professione che sia più umana e in questo sono stato fortunato, ho incontrato sul mio cammino uomini, medici come Mario Capunzo e Francesco De Caro.

Rosa Coppola

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra