parch5

Ruggi, i dipendenti pagheranno il parcheggio. E’ polemica

in UNISA

Salerno
I dipendenti dell’Azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno pagheranno il parcheggio. Che è una notizia, e anche decisamente brutta per chi si reca al lavoro ogni giorno, visto che hanno sempre potuto contare su una area riservata. Gratuita. Ora, a causa di numerosi episodi di sosta selvaggia – capaci di bloccare ambulanze e camion dei vigili del fuoco – il management aziendale è corso ai ripari. Ridimensionando l’area gratuita. Insomma, chi prima arriva parcheggia e non paga. Chi non trova posto, come accaduto ieri mattina, dovrà pagare quasi due euro per l’intera giornata.
La ‘brutta nuova’ è giunta come un fulmine a ciel sereno, ieri mattina, scatenando una ridda di polemiche. Soprattutto tra i sindacalisti che, inviperiti, hanno minacciato fuoco e fiamme. “Un nuovo balzello”, esordisce Pietro Antonacchio, segretario Cisl FP e aggiunge: ” Un ulteriore balzello a carico dei lavoratori senza alcun confronto e senza alcuna condivisione con le organizzazioni sindacali che potrebbero ammontare a circa 30 euro di gabella di franceschiella memoria. Chiediamo un incontro urgente con i vertici. Esiste già uno stato di agitazione in atto; non ci costringa ad adottare azioni di lotta più severe”, conclude Antonacchio sottolineando come ancora insistono alcune sacche di privilegi. Quest’ultime, sostiene, per i medici e professori universitari che avrebbero posti riservati. Ma come si è arrivati a dover pagare il parcheggio?
La mega area Parking dell’ospedale di via San Leonardo è gestita dall’Aci. La convenzione, in scadenza, con il management prevede zona collinare destinata ai dipendenti. Dei totali 700 posti, circa 500 sono per i lavoratori. Posti gratuiti. Cosa ha fatto cambiare la situazione, allora?
Come dicevamo, nel corso del tempo si sono verificati e susseguiti quotidianamente casi di parcheggio selvaggio. Auto in doppia, tripla fila capaci di bloccare le ambulanze e persino la camionetta dei vigili del fuoco. Solo un mese fa, l’intervento dei pompieri per l’incendio di un materasso li vide protagonisti di una situazione paradossale: passaggio ostruito. L’intervento divenne difficile a causa delle vetture lasciate anche in curva. Da allora, i vertici del Ruggi hanno deciso di dare una sterzata, decisa, al fenomeno che riguarda e accomuna tutti. Infermieri, medici, professori. Tutti pizzicati anche un strisce ‘dedicate’: ai portatori di handicap e alle donne in stato interessante. Nessun rispetto. Si lascia l’auto dove c’è spazio.
Così, il direttore generale ha interdetto al parcheggio l’area dei Dipartimenti interni e fatto portare via con l’autocarro le auto lasciate nell’area per i disabili. Che da ieri mattina si sono riappropriati della zona riservata: circa 30 posti all’ingresso dell’ospedale, nei pressi della Torre Cardiologica. Una sfida vinta. Per il momento. E che prevede, nel prossimo futuro, anche strisce “rosse” (il colore potrebbe cambiare) destinate all’utenza. Quella che si reca in ospedale per la dialisi o per la chemioterapia. Il Piano parcheggi è in fase di elaborazione e prevede che il manager, Vincenzo Viggiani, paghi quotidianamente il parcheggio. Cosa che sta già accadendo.
Intanto, è alle prese con la polemica dei sindacati che rivendicano il posto auto, gratuito. Interno.
La rivendicazione dei sindacati arriva in un momento in cui il Ruggi è assurto agli onori della cronaca nazionale per il fenomeno dell’assenteismo. Alcuni “fannulloni” sono stati capaci di macchiare e ombrare le eccellenze dell’Azienda universitaria. E la difesa dei sindacati per i lavoratori onesti pare non essere riuscita a far cambiare idea all’opinione pubblica. Ora, la richiesta, legittima o meno, del parcheggio gratis rischia di diventare una nuova buccia di banana.

 

fonte:

corriere del mezzogiorno

articolo a firma di
Rosa Coppola

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

Lascia una risposta

Your email address will not be published.

*

Ultimo da UNISA

Vai Sopra