Salerno, la Corte dei Conti condanna due ex manager dell’Asl

in News

La Corte dei Conti di Napoli condanna, per danno erariale, due ex manager dell’Asl Salerno e altrettanti tecnici (ingegneri).

I quattro, a vario titolo e ruolo, devono rispondere di omesso controllo e autorizzazioni ritenute non idonee, per una vicenda relativa ad una mega impalcatura in ferro posta dinanzi all’ingresso del pronto soccorso dell’ospedale nocerino Umberto I. Il ribattezzato ‘mostro di ferro’, che solo dopo tante peripezie fu smantellato, nacque come corridoio capace di collegare le due ali del nosocomio. Per anni ha fatto brutta mostra visto che era posto proprio sull’ingresso del pronto soccorso.

Partì così la denuncia e le relative indagini eseguite dai carabinieri del Nas di Salerno.

Così, tra autorizzazioni a ditte ritenute non chiare, lavori eseguiti non perfettamente, e omesso controllo dei manager che si sono succeduti nel corso del tempo, la Corte dei Conti ha sentenziato il danno erariale che per i tecnici sfiorerebbe i centomila euro.

La settimana prossima, uno degli ex commissari sarà ascoltato dalla magistratura contabile napoletana.

Salernosanita' e' una piattaforma web interamente dedicata alla sanità. Troverai notizie, dibattiti, documenti per informare e, perché no, aiutare, l'utenza a districarsi nella giungla della burocrazia che spesso si presenta anche per il più semplice dei controlli ospedalieri. Salerno Sanita' informera' sui temi della salute e della sanita' attraverso la cronaca proveniente dall'intera provincia salernitana. Denunciare casi di malasanità, anomalie, sprechi per garantire assistenza, degna di questo nome, e' la finalità di Salerno Sanita'.

1 Comment

  1. In seguito al decesso di mia madre avvenuto dopo un calvario chirurgico iniziato 15 giorni dopo il ricovero con codice verde all’Ospedale di Mercato S. Severino, il sottoscritto ha invano richiesto il diario infermieristico che e’ stato omesso per ben due volte dalla cartella clinica della paziente. In seguito all’allucinante esperienza vissuta dalla paziente e dai familiari in quell’ospedale il sottoscritto auspica la chiusura del reparto chirurgia.

Lascia un commento

Your email address will not be published.

*

Ultimo da News

Vai Sopra